Agenzia delle Entrate 562 dipendenti sarebbero stati accusati di manipolazione dei dati

Agenzia delle Entrate 562 dipendenti sarebbero stati accusati di manipolazione dei dati

Fonte: Il Sole 24 Ore

Dal 2013 al 31 dicembre 2017 pare siano finiti sotto procedimento 562 dipendenti dell’Agenzia delle Entrate, per accuse che vanno dalla corruzione all’accesso abusivo al sistema informatico. Funzionari che in 171 casi (156 indagati e 15 condannati) avrebbero fatto «accessi alla documentazione» fiscale, fornendo – in 98 casi dietro sospette corruzioni- ausilio a «imprenditori e soggetti che si rivolgevano loro per ottenere la verifica degli estratti ruolo, la rateizzazione di cartelle esattoriali senza averne i requisiti» e tanto altro.

Particolari contenuti nelle relazioni investigative che ricalcano i fatti contestati a un dipendente dell’Agenzia, arrestato per essere stato corrotto da un commercialista.

I dati: 455 indagati e 107 condannati

Stando ai dati che sarebbero stati forniti dalla stessa Agenzia delle Entrate, in cinque anni (dal 2013 al 31 dicembre 2017) sarebbero finiti sotto inchiesta 455 dipendenti, mentre in 107 sarebbero stati condannati.

I reati contestati riguardano proprio forme di corruzione e concussione, abuso d’ufficio, peculato e accesso abusivo ai sistemi informatici.

Le 2.278 pratiche modificate

Indagando su questi fronti, la Procura di Roma avrebbe arresto un dipendente dell’Agenzia Roma 2. Bastava una tangente e le tasse erano facilmente aggirabili. Debiti fiscali, liste di controlli preventivi e operazioni correttive erano manipolabili attraverso il sistema informatico dell’Agenzia delle Entrate.

L’innesto del procedimento è un whistleblower (disciplinato dall’articolo 1 comma 51 della legge 6 novembre 2012, n. 190), ossia un dipendente dell’Agenzia che ha denunciato un suo collega, colto in flagrante a contare i soldi di una tangente in un bar. I pm hanno ottenuto l’arresto di “O. O.”, funzionario accusato di essere stato corrotto da “M. S.”, commercialista romano. Gli accertamenti – supportati anche da verifiche svolte dall’Agenzia tramite audit – avrebbero confermato l’attività illecita del dipendente: in pochi i giorni, dal primo dicembre del 2015 al 17 febbraio del 2016, il funzionario avrebbe alterato dati fiscali per oltre 2.278 pratiche per fare ottenere ai clienti del commercialista una diminuzione dell’importo dell’imposta dovuta.

L’alterazione dei dati fiscali

Gli inquirenti avrebbero scoperto che avrebbe ottenuto il denaro per «alterare i dati fiscali di numerosi contribuenti, in modo da ridurne i debiti erariali; trasmettere con ritardo le dichiarazioni presentate dai contribuenti in cartaceo presso l’ufficio territoriale, in modo da impedire tanto la liquidazione automatizzata quanto il successivo contro formale». Inoltre i magistrati riterrebbero che abbia garantito «l’inserimento di alcune dichiarazioni nelle liste di controlli preventivi – c.d. “preruoli”, nelle quali confluiscono le dichiarazioni tardive (pervenute oltre 90 giorni dopo la scadenza) per verificare se queste siano state effettivamente presentate con ritardo dal contribuente ovvero se siano state tempestivamente presentate, ma trasmesse in ritardo dall’ufficio – acquisendo al contempo numeri di protocollo idonei a dimostrare (falsamente) la presentazione all’ufficio di una dichiarazione cartacea tempestiva. In tal modo, “O.” avrebbe impedito la liquidazione manuale dell’imposta nonché gli accertamenti automatici».

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuito su WordPress.com.

Su ↑

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: